Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore
Risparmia 15%

Chiretta verde erba T.T. - Andrographis Paniculata Nees - Acanthacee

Prezzo: 6,50
5,50
Risparmio : € 1,00 (15%)
3 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Nome botanico: Andrographis Paniculata (o Carmantina)

Nome popolare: Chiretta verde

Famiglia: Acanthacee

Parte utilizzata: foglie

Componenti principali: polifenoli, flavonoidi, andrografolidi ed altro.

Descrizione e proprietà tradizionali: Andrographis paniculata è un arbusto originario dell’Asia.La parte attiva, costituita dalle foglie, è utilizzata nella medicina tradizionale cinese nel trattamento delle infezioni, dell’infiammazione, del raffreddore, della febbre e della diarrea. Queste proprietà sono state confermate da diversi studi e può essere considerata un valido supporto anche in associazione con terapie convenzionali, per le infezioni delle vie respiratorie (Coon JT et al., Ernst E, 2004; Poolsup N et al., 2004). Gli andrografolidi, che sarebbero i componenti attivi, ovvero dei composti diterpenici, che esplicano la loro funzione attivando una risposta antigene-specifica, in cui si ha la formazione degli anticorpi, ed una risposta immunitaria aspecifica, dove i microbi vengono fagocitati ed uccisi. Gli andrografolidi, infatti, hanno dimostrato un effetto, in vitro, sull’attivazione e proliferazione delle cellule immunocompetenti e sulla produzione di citochine e dei mediatori della risposta immunitaria. Questi composti presentano anche un effetto antiinfiammatorio, prevenendo la produzione di radicali liberi da parte dei neutrofili Di recente, si è osservata una proprietà antitumorale (Kumar RA et al., 2004; Sono state anche osservate proprietà antimicrobiche (Singha PK et al., 2003) ed isolati dalla pianta degli xantoni, che sembrano possedere un’attività antimalarica (Dua VK et al., 2004). Testo tratto da Pubmed.

Proprietà ed azioni: L'Andrographis risulta avere una duplice azione: sia di supporto immunostimolante sia utile come prevenzione, mentre a dosaggi più elevati si accentua la sua azione antinfiammatoria. Utile in caso di artrite reumatoide. E’ un tonico amaro, coleretico, immunostimolante, epatoprotettivo, antipiretico, antinfiammatorio, antipiastrinico, antiossidante, antielmintico, antivirale.

Utile in caso di: Infezioni batteriche e virali dei primi tratti delle vie respiratorie e riduzione della febbre associata; prevenzione di raffreddore e faringotonsillite; prevenzione delle infezioni delle vie urinarie dopo litotripsia ad onde d’urto; Infezioni enteriche. L’andrographis è largamente usata in Scandinavia quale supporto in caso di sindrome influenzale. Il principio attivo è un lattone diterpenico, l’andrographolide. L’assorbimento di questa sostanza nell’uomo è rapida e raggiunge la massima concentrazione plasmatica dopo circa 2 ore, persistendo in circolo per circa una decina di ore. La caratteristica più conosciuta dell’ Andrographis paniculata è la sua proprietà epatoprotettrice, utile in associazione con altri fitocomplessi per la protezione e alla stimolazione di una fisiologica attività epatica Alcuni studi clinici sull’ Andrographolide, dimostrano la capacità di aumentare i livelli dell'attività degli enzimi antiossidanti e del Glutatione e di diminuire l'attività della perossidasi lipidica che conduce alla generazione dei radicali liberi che danneggiano le cellule. L’Andrographolide rinforza le difese del nostro corpo incrementando il numero dei Linfociti T; potenzia il rilascio di interferone antivirale, stimolando l'attività del sistema linfatico che è la sede del nostro sistema di difesa. L’estratto dell’ Andrographis paniculata è stato testato per l’effetto citotossico contro nove linee di cellule cancerose. (particolarmente cellule cancerose del tumore al seno e colon. L’Andrographolide ha inoltre proprietà antivirali contro l’herpes simplex ed il virus HIV: L’obiettivo primario di uno studio recente era di valutare la sicurezza e la tollerabilità del prodotto e, in seconda istanza, di stabilire gli effetti sui livelli plasmatici di HIV1-RNA e sui livelli di linfociti CD4. Questo studio ha confermato che l'andrografolide, estratta dalla pianta, ha la capacità di stimolare l'attività del sistema immunitario, incrementando il numero dei Linfociti T, potenziando, quindi, il rilascio di interferone antivirale. Al dosaggio massimo consigliato 195mg al giorno.

Avvertenze: Non usare in gravidanza. I soggetti che soffrono di ulcera o gastrite dovrebbero assumere questo estratto a stomaco pieno per evitare un’eventuale acutizzazione del "mal di stomaco"

Curiosità: L’andrographis forse non era conosciuta nel mondo greco-romano, mentre lo era nei Paesi asiatici già nel 2000-3000 a.C. La medicina tradizionale indiana (ayurvedica e siddha), ma anche quella cinese e tailandese, ancora oggi raccomandano l’impiego di questa droga nei casi di febbre associata a malattie infettive. In Thailandia e in Cina vengono, poi, da sempre sfruttate le sue proprietà amare per alleviare i disturbi correlati alla digestione. In India è stata utilizzata anche per curare il diabete, il colera, la dissenteria, la bronchite, la gonorrea e per “purificare” il sangue. Nei Paesi asiatici la droga è stata inoltre utilizzata come rimedio antielmintico e per combattere l’itterizia, i disturbi epatici e il mal di gola. In Europa la droga è popolare nei Paesi scandinavi che la utilizzano come rimedio contro l’influenza e il raffreddore. (Tratto da “L’Erborista” – maggio 2009) .

Preparazioni e dosi: esiste un preparato standardizzato in tavolette, già in commercio, chiamato Kan Jang (Swedish Herbal Institute), che contiene 5,25 mg di andrografolide e diossiandrografolide,: in genere viene consigliata L’assunzione di 4 tavolette 3 volte al giorno. Per la polvere, la dose è non più di 2 grammi al giorno; è’infuso viene preparato con 5 gr di prodotto in lasciato infondere per quindici minuti in 250 mg di acqua, poi si filtra e si beve una volta al giorno. Nei paesi asiatici si prepara anche un the, (preparato come un infuso prolungato), con le foglie e dal caule della pianta, che si consuma nella misura di 1-4 ml al giorno e una tintura, nella misra di 2,5-5 ml al giorno. Consultare il proprio medico per dettagli più precisi e mirati

Controindicazioni: il suo uso può provocare effetti indesiderati di lieve entità che scompaiono con la sospensione del trattamento. Mal di testa, stanchezza, disturbi gastrointestinali e un sapore amaro/metallico in bocca.

Bibliografia -1)Semisynthesis and cytotoxic activities of andrographolide analogues.Jada SR, Hamzah AS, Lajis NH, Saad MS, Stevens MF, Stanslas J. Clinical Pharmacology Laboratory, Division of Medical Sciences, National Cancer Centre, 11 Hospital Drive, 169610, Singapore. -2)Antiviral properties of ent-labdene diterpenes of Andrographis paniculata nees, inhibitors of herpes simplex virus type 1.Wiart C, Kumar K, Yusof MY, Hamimah H, Fauzi ZM, Sulaiman M. Department of Pharmacy, Faculty of Medicine, University of Malaya, Malaysia. -3)A new bis-andrographolide ether from Andrographis paniculata nees and evaluation of anti-HIV activity.Reddy VL, Reddy SM, Ravikanth V, Krishnaiah P, Goud TV, Rao TP, Ram TS, Gonnade RG, Bhadbhade M, Venkateswarlu Y. Natural Products Laboratory, Organic Chemistry Division-I, Indian Institute of Chemical Technology, Hyderabad-500 007, India.

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.

 

Produttore:
Minardi e figli S.r.l.
Nessuna denominazione INCI per questo prodotto