Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Biancospino - Crataegus Oxyacantha - foglie e fiori

4.50
5 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Famiglia: Rosacee

Nome botanico: Crataegus oxyachantha .

Descrizione: Il Biancospino è un arbusto dal legno duro (kràtos), perenne, con rami spinosi (akantha) e foglie caduche a 3 lobi finemente dentati, produce in aprile-maggio fiori bianchi o rosacei raccolti in corimbi ed in settembre drupe rosse carnose con 2-3 semi. Il genere Crataegus del biancospino comprende circa 280 specie. Le specie possono vivere fino a 500 anni e raggiungere un’altezza di oltre 6 metri.

Parti utilizzate: fiori appena schiusi ma anche infiorescenze e foglie

Principi attivi: acido crategico ed altri composti triterpenici pentaciclici, flavonoidi, glicosilflavoni, iperoside, procianidine oligomere, acidi fenolcarbossilici e triterpenici, steroli, amminopurine

Utile in caso di: tachicardia da nevrosi, disturbi diversi della menopausa o climaterio, ipertensione arteriosa, aritmie cardiache e palpitazioni, vertigini, ansia e agitazione nervosa.

Erbe sinergiche: Camomilla matricaria, Cardiaca, Escolzia, Ginkgo biloba, Olivo, passiflora, Valeriana officinale, Valeriana rossa, Vischio, Zenzero Tossicità: bassa

Avvertenze: se abbinato a terapie digitaliche il dosaggio deve essere stabilito dal medico.

Erbe antagoniste: Digitale purpurea, anche in forma omeopatica.

Interazioni o incompatibilità: estratti di digitale, farmaci ipotensivi

Formulazioni: (per ricette e dosaggi personalizzati, seguire le indicazioni del proprio medico)

Infuso: contro stanchezza e aritmia: versare 1 tazza d'acqua calda su 2 cucchiaini dì foglie e fiori e filtrare dopo 15-20 minuti. Bere l'infuso tutti i giorni per almeno 4-6 settimane

Tintura: per il cuore "fiacco": lasciare macerare per circa 10 giorni in alcol al 70% 20 g di fiori e di foglie essiccati e triturati. Assumere 20-40 gocce diluite in una tisana o in acqua 3 volte al giorno.

Estratto fluido: 45 gtt, pari a 600-1200 mg a dose;

Polvere:  1 capsula al giorno da 250 mg.

Tintura madre: preparata dalle sommità fiorite fresche tit.alcol.65° oppure dai frutti freschi tit.alcol.45°, 30 gtt 3 volte al giorno.

Curiosità: Nella medicina tradizionale cinese sono utilizzati moltissimo i frutti del Biancospino (essiccati - fritti o carbonizzati) come digestivo - contro diarrea - amenorrea - dolori addominali - enteriti - dissenteria acuta - ipertensione - iperlipemia - disturbi cardio-coronarici e infezioni provocate da vermi.

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.

Produttore:
Brisighello
Nessuna denominazione INCI per questo prodotto