Cerca per produttore

Boldo del Cile foglie T.T. (Peumus Boldus - Molina)

4,50
5 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Famiglia: Monimiacee

Nome botanico: Peumus Boldus

Descrizione: Il Boldo è una pianta sempreverde che cresce in America Latina (Cile, Argentina, Ecuador, Bolivia, Perù). Nella medicina tradizionale le foglie di Boldo sono state usate come carminativo (riducente la formazione di gas intestinali e favorente l'eliminazione degli stessi) e per trattare la gotta e affezioni a carico della vescica e della prostata. Gli estratti di foglie di Boldo producono un'azione favorente il rilascio di bile (azione coleretica) e diuretica  e sono ancora oggi usati nella medicina popolare nella cura delle turbe dispeptiche di origine epato-biliare, dei disturbi epatici, delle cistiti, e delle malattie infiammatorie articolari

Parte utilizzata: foglie raccolte in autunno.

Proprietà: Al Boldo sono attribuite proprietà colagoghe, coleretiche, digestive, diuretiche, sedative del sistema nervoso e debolmente ipnotiche. La boldina, a dosi più elevate di quelle utilizzate per stimolare le funzioni digestive, determinerebbe infatti un’azione ipnotica in grado di provocare uno stato di sonno simile a quello fisiologico. La boldina, inoltre, esercita un’azione fluidificatrice della bile, ne diminuisce la densità e la viscosità aumentandone il contenuto acquoso. Alcune ricerche hanno evidenziato come questa azione colagoga compaia solo a bassi dosaggi, a differenza dell’effetto coleretico ottenuto solo per posologie elevate. L’aumento della secrezione appare netto ma di breve durata, ed il conseguente aumento dei sali biliari a livello intestinale determina anche un effetto lassativo. La boldina a livello del tubo gastroenterico ha un’azione antispasmodica. All'olio essenziale si deve l’azione stimolante l’appetito e i processi digestivi: per questo scopo è opportuno impiegare preparati ottenuti per estrazione alcolica. Tali preparazioni vengono utilmente utilizzate anche come diuretici ed antisettici delle vie genito-urinarie.per tali motivi, è bene seguire avvertenze particolari nell'uso e nei dosaggi per i quali è opportuno consultare sempre il proprio medico di fiducia.

Indicazioni: stitichezza o stipsi, calcolosi biliare cistifellea e vie biliari, insufficienza epatobiliare e intossicazione del fegato.

Controindicazioni: Il Boldo ha dimostrato proprietà abortive. E' perciò controindicato durante la gravidanza e l'allattamento. Può potenziare gli effetti dei farmaci che fluidificano il sangue come la cumarina. Ha effetti diuretici. E' perciò controindicato l'uso prolungato o cronico.

Erbe sinergiche: Curcuma, Escolzia, Fumaria, Tarassaco Tossicità: bassa Controindicazioni: non usare in caso di occlusioni e stenosi delle vie biliari ed evitare l’uso prolungato nelle epatopatie gravi Avvertenze: l´olio essenziale è neurotossico per la presenza di ascaridolo. Interazioni o incompatibilità: potenziamento dell’azione dei lassativi antrachinonici.

Formulazioni e dosi: attenersi sempre ai dosaggi e alle preparazioni personalizzati del proprio medico

Estratto fluido: 35 gtt al giorno;

Estratto secco: 1 mg 2-3 volte al giorno.

Decotto: va preparato per macerazione di 8 ore in acqua fredda: 2 cucchiaini per tazza di acqua, bere 2 tazze al giorno;

Tintura madre: preparata dalle foglie essiccate tit.alcol.55°, 30 gtt 3 volte al giorno.

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.
Produttore:
Brisighello
Nessuna denominazione INCI per questo prodotto