Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Calendula - (Calendula officinalis - Asteracee)

5,00
1 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Famiglia: Composite

Nome botanico: Calendula officinalis

Descrizione: pianta erbacea pelosa annua o perenne alta 20-50 cm con grandi foglie oblunghe-lanceolate e fiori gialli o arancio.

Costituenti principali: olio essenziale, carotene e betacarotene, un principio amaro, una saponina, alcol, acidi e tracce di acido salicilico.

Parte utilizzata: Infiorescenze. Sommità fiorite senza foglie.

Erbe sinergiche: Amamelide, Bistorta, Fitolacca, Karkadè, Lamio Bianco, Lavanda, Malva, Menta Piperita, Potentilla, Ratania, Sambuco.

Interazioni o incompatibilità: Tannini.

Proprietà: La calendula è apprezzata in erboristeria perché ricca di oli essenziali, resine e mucillagini. Le sue proprietà terapeutiche sono varie: emollienti, lenitive, anti arrossamenti. Viene anche impiegata per preparare infusi e  tinture per cataplasmi. In dermocosmesi viene prodotta una crema con la polvere ottenuta dai fiori secchi, avente effetti di contrasto per l'acne e per le macchie della pelle. Grazie alle sue proprietà disinfettanti e di contrasto alle infiammazioni, viene utilizzata in esterno per impacchi e spesso sfruttata come ingrediente per i detergenti intimi.

Indicazioni: ustioni e scottature, (anche solari o da freddo), tonsillite, ragadi al seno, dermatosi, stomatite, ulcera gastrica o duodenale, ragadi anali, afte, infiammazioni.

Preparazioni:

Tintura Madre: per uso esterno: 1 cucchiaino da the in 2 cucchiai di acqua, 3 volte al dì.

Tisana: uso topico su ferite. piaghe. scottature solari.2-3 g in 150 ml di acqua bollente per 10 minuti.

Curiosità: Il nome Calendula deriva dal latino "calendae", cioè giorno, che allude al succedersi perpetuo del tempo. Secondo altri, deriverebbe dal greco kàlathos che significa coppa o cesta, alludendo alla forma del fiore. Secondo gli scrittori dell'Ottocento, era il simbolo dei cortigiano adulatori, ma c'è anche una corrente di pensiero che lo vuole simbolo dell'amore puro e infinito. Negli anni ´30 era considerata dagli agricoltori una specie di barometro: se alle 7 del mattino i fiori erano ancora chiusi sarebbe sicuramente piovuto in giornata. .Le linguette isolate dei fiori vengono usate per sofisticare lo zafferano.

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.

Produttore:
Brisighello
Nessuna denominazione INCI per questo prodotto