Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Filtra prodotti Filtra prodotti

ACUFENI

ACUFENI

 

S INTOMI: Gli acufeni sono rumori di diverso tipo (ronzii, fischi, scrosci) percepiti in maniera fissa o intermittente e con diversa intensità in uno o entrambi gli orecchi.

Vengono distinti in due categorie:

OGGETTIVI: ovvero i "rumori" generati da particolari patologie, disfunzioni muscolari, e certe anomalie anatomiche che possono eccitare l'orecchio a distanza. Mentre quelli

SOGGETTIVI, sono acufeni, dovuti ad anomale sensazioni sonore udibili solo da chi le accusa, non provocate da agenti esterni e che insorgono per condizioni patologiche dell'apparato uditivo. possono derivare da traumi, da un tappo di cerume, da otiti acute e croniche, da labirintiti, dalla malattia di Ménière, da infiammazioni di natura tossica e infettiva del nervo acustico ma che da svariate sostanze tra cui chinino, salicilati, streptomicina e il mercurio. Gli acufeni accompagnano anche malattie come il diabete, l'insufficienza epatica e renale.

Tuttavia il ronzio resta spesso un mistero di oscura origine per cui spesso è difficile il trattamento e insorge la necessità di convivere con questo fastidioso disturbo.

ALIMENTI CONSIGLIATI: Nei casi di infezione dell'orecchio medio, è bene dare la preferenza a frutta e verdura di stagione e bio, meglio se consumati sotto forma di centrifugati freschi, nei casi di sindrome di Ménière, privilegiare semi oleosi, fagioli, noci, pesce, yogurt arricchito con lactobacillus acidophylus, per mantenere in equilibrio la microflora batterica intestinale. Viceversa, in caso di processi infiammatori, evitare il consumo di latte e latticini in fase acuta, in quanto potrebbero aggravare i sintomi aumentando la produzione di muco. Nei casi di sindrome di Ménière è utile l'assunzione di fibre a basso valore di sodio e di acidi grassi saturi. Evitare le bevande contenenti caffeina, fritti e cibi industriali, alcolici, salumi, formaggi, il pesce azzurro, il tonno e tutti i prodotti in scatola. ottimo invece il pesce pescato in mare, le carni bianche, i legumi freschi o secchi, il tofu.

INTEGRAZIONE ALIMENTARE: in caso di infezioni/infiammazioni, sono utili gli antiossidanti e i micronutrienti come zeaxantina, betacarotene, licopene, acidi grassi Omega-3, glutatione, acido alfa lipoico, Vitamine C ed E, polifenoli, Coenzima Q10, Vitamine B1, B2, B9 e K, sali minerali tra cui calcio, ferro, magnesio, manganese e Zinco per stimolare il sistema immunitario. Nei casi di sindrome di Ménière sono utili i complessi B, Vitamina E, manganese, Zinco e de enzimi proteolitici sotto forma di estratto di papaya fermentata, che aiutano l'organismo a controbilanciare la reazione allo stress, riducendo così la frequenza degli attacchi.

FITOTERAPIA: Se i ronzii dipendono da traumi acustici, è necessaria una terapia antiedema e neuroprotettiva che si può ottenere con piante ad effetto diuretico come la Spirea ulmaria (fonte naturale di acido salicilico). Se i ronzii sono dovuti ad un precoce invecchiamento auricolare come nella sindrome di Ménière, è utile l'assunzione di Ginkgo biloba, pianta indicata nei disturbi della microcircolazione periferica. Tuttavia questa pianta potente deve essere assunta con cautela da soggetti in terapia con altri farmaci in particolare gli antiaggreganti piastrinici e anticoagulanti, pertanto solo sotto controllo medico.

GEMMOTERAPIA: Si utilizza CRATAEGUS OXYACANTHA MG 1DH,(soprattutto in fase menopausale), oppure ILEX AQUIFOLIUM giovani getti MG 1DH, SORBUS DOMESTICA MG 1DH, insieme con OLEA EUROPEA MG 1DH oppure LIGUSTRUM VULGARE MG 1DH, tutti alla dose di 30- 50gocce al giorno prima dei pasti.

OLIGOTERAPIA: utile l'associazione di Magnesio e Manganese in oligoelementi, da assumere alternativamente la mattina a digiuno.

SALI DI SHUESSLER: indicato Natrum Muriaticum, (cloruro di sodio), alla dose di quattro compresse quattro volte al giorno, oppure Ferrum Phosphoricum (Fosfato di ferro), quando i ronzii sembrano acqua che scorre,entrambi al dosaggio di quattro compresse quattro volte al dì.

Acufeni Secondo La Nuova Medicina e Le 5 leggi biologiche

Altre informazioni Interessanti Anche qui

Quanto riportato, è tratto da materiale informativo di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di indicazioni che si rivelassero false o comunque non rispondenti a verità. Le indicazioni suggerite sono da intendersi come consigli e non vogliono né possono sostituirsi alla diagnosi del medico, che è opportuno consultare sempre, prima di decidere della propria salute.