Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Filtra prodotti Filtra prodotti

ECZEMA e DERMATITE

L'eczema può presentarsi come un insieme di piccole macchie rosse, oppure come gruppi di foruncoli infiammati o anche come placche umide e rilevate. Se è di tipo progressivo la malattia comincia con una piccola macchia rossa e progredisce poi con una serie di macchie più grandi a volte coperte di croste. L'eczema provoca prurito; tuttavia, il grattarsi determina un peggioramento della situazione, anche se temporaneamente il paziente può sentire un senso di sollievo.

L'eczema è la più comune delle malattie della pelle. Può instaurarsi a qualunque età ed in persone apparentemente sane. La medicina scolastica e quella alternativa insegnano che talvolta, l'eczema insorge perché la pelle è venuta in contatto con sostanze irritanti, soprattutto durante il lavoro. Per questo, sono particolarmente soggette all'eczema gli estetisti, i barbieri, i panettieri, i tipografi e coloro che lavorano nelle industrie chimiche. 

In altri casi, invece, può essere determinato da reazioni dell'organismo, che si manifesta particolarmente sensibile a certi generi di cibo (definita manifestazione allergica)

. La malattia può apparire in qualunque parte del corpo, ma con maggiore frequenza si instaura sulle mani, sulle gambe, sui piedi e sulle orecchie. L'eczema spesso non scompare facilmente e, in questo caso, si deve seguire un particolare regime alimentare o si deve evitare il contatto con la sostanza che lo ha provocato.

Secondo le 5 leggi biologiche scoperrte dal Dott Hamer, L’eczema / l’esantema nella fase di guarigione, dopo la soluzione del conflitto biologico di separazione, la cute si gonfia con formazione di edema, e le ulcere si riempiano di nuovo partendo lentamente dal fondo con nuove cellule di epitelio pavimentoso. Questo è ciò che chiamiamo esantema.

LA DERMATITE SECONDO LE 5 LEGGI BIOLOGICHE:

La dermatite atopica è una “malattia” della epidermide. L’ epidermide ha un superficie esterna ed una interna. La superficie interna aderisce a quella del corion. La superficie esterna è quella della pelle che noi vediamo. Questa pelle esterna consiste di cellule epiteliali piatte e viene governa nell’area corticale sensoria. A livello psichico c’è sempre un conflitto di separazione, cioè uno strappo nel contatto con la madre, la famiglia o branco, amici o anche animali. In uno schock del venir separati osserviamo una ulcera nella pelle, che però possiamo notare come tale solo al microscopio. Dobbiamo immaginarci questo evento in modo molto realistico, come se questi individui fossero attaccati insieme con la colla e nel separarsi un pezzo esterno di pelle si strappasse. Possiamo adesso sentire che la pelle in quel punto non è più così morbida e setosa.

Questo “quadro clinico” viene chiamato dermatite atopica (conflitto attivo).

In questa fase di conflitto attivo si formano ulcere piatte nella pelle, che a livello macroscopico non si vedono. Al tatto la pelle si sente ruvida, è pallida, con scarsa circolazione, fredda. Queste ulcere sono solo il primo sintomo. L’altro sintomo è una paralisi sensoriale. La sensibilità della pelle è via via limitata o scomparsa del tutto, cioè la zona è come morta, il paziente la sente poco o niente

Nella fase di soluzione del conflitto (pcl) la pelle diventa rossa, calda, prude e si gonfia. Adesso inizia la grande guarigione. Chiamiamo queste manifestazioni di efflorescenza esantemi, dermatiti, orticarie dermatiti atopiche o eczemi. La pelle sembra “malata”. Per questo i dermatologi registravano la maggior parte delle malattie della pelle solo dopo la soluzione del conflitto, non conoscendo la NMG.

Tutta la dermatologia si deve orientare in modo nuovo, perché finora non aveva quasi una base scientifica, ma era solo una disciplina più o meno orientata ai sintomi. Inoltre anche i sintomi sono stati interpretati male perché la guarigione o infiammazione dell’ esantema, dell’ eczema o della dermatite li abbiamo sempre visti come “malattie” particolari oppure come “aggravamenti della malattia” mentre in una attività conflittuale con ulcera credevamo di vedere un miglioramento, ma era esattamente il contrario.

La medicina scolastica non lo aveva riconosciuto, soprattutto il fatto che la pelle del corion e della epidermide, per quanto concerne aumento e riduzione cellulare nelle fasi di conflitto attivo o in soluzione, si comportano in maniera opposta.

La dermatite atopica secondo le 5 leggi biologiche QUI

per approfondimenti clicca QUI