Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Eleuterocco radice - Eleutherococcus senticosus

4,50
Punti: 225 punti
6 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Il ginseng siberiano è ritenuta pianta dalle caratteristiche adattogene (adattogeno è un termine coniato verso la fine degli anni ’50 da due ricercatori russi, I. I. Brekhman e I. V. Dardymov, che definirono il fattore adattogeno come fattore non in grado di provocare se non minimi disordini nelle funzioni fisiologiche dell’organismo, dotato di azione normalizzante aspecifica e indipendente dalla direzione dello stato patologico) e quindi in grado di aumentare la resistenza dell’organismo a fattori stressanti (sia fisici che psichici).

L’eleuterococco assurse agli onori delle cronache nei primi anni ’70 in quanto fu utilizzato dagli atleti della squadra olimpica russa durante i giochi olimpici svoltisi a Monaco nel 1972

L’eleuterococco agisce sulle ghiandole surrenali, diminuendo il contenuto intraghiandolare di colesterolo e divitamina C, aumentando la produzione di ormoni surrenalici. Alcuni eleuterosidi si legano ai recettori dei glicocorticoidi, dei progestinici, dei mineralcorticoidi e degli estrogeni.

L’eleuterococco è capace di stimolare la sintesi proteica  a livello del fegato, del pancreas e della corteccia surrenalica, azione anabolizzante probabilmente legata a un aumento dell' ormone della crescita.

A livello cardiaco, si è osservato un aumento del numero di mitocondri (le “centrali energetiche” della cellule) nelle fibrocellule muscolari miocardiche e ciò potrebbe spiegare un aumento della prestazione fisica (i mitocondri sono coinvolti nella produzione di ATP per ossidazione del substrato con l’ossigeno molecolare).

L’eleuterococco aiuta il sistema immunitario, con stimolazione dei processi di fagocitosi dei monociti e dei granulociti e della loro chemiotassi e con un moderato aumento dei livelli di interferone.

Da queste premesse sembrerebbe ragionevole pensare che studi clinici dimostrino ampiamente l’azione adattogena dell’eleuterococco. In realtà non è così poiché, tranne i vecchi studi sovietici (non si sa fino a che punto spinti dal regime per promuovere l’operosità), studi recenti non hanno mostrato nulla di significativo

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.

 

Nessuna denominazione INCI per questo prodotto