Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Elicriso stoechas fiori T.T. (Helichrysum Stoechas L.) – Asteracee

6,00
6 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Famiglia: Asteracee

Nome botanico: Helichrysum Stoechas (L.) Moench

Descrizione: è una pianta erbacea aromatica, perenne, appartenente alla famiglia delle Asteracee. Fiorisce da maggio ad agosto. Se bruciata da secca emana un gradevole odore. I fiori sono disposti in infiorescenze gialle a capolino, di quattro-sei millimetri di diametro.

Componenti: Contiene tannino, elicrisene, resina, elicrisina (sostanza colorante) mucillagine, un'essenza costituita da nerolo, pinene, fufurolo, linalolo, aldeide, isovalerianica; poi acidi ursolico e caffeico.

Proprietà: antiallergiche, antinfiammatorie, antieritematose, fotoprotettive, espettoranti, anticatarrali, cicatrizzanti, spasmolitiche, ipocolesterolizzanti, antibatteriche, antifungine, sudorifere, astringenti, antiasmatiche. Ottimo come antistaminico naturale.

Indicazioni: attenersi sempre ai dosaggi e alle preparazioni personalizzati del proprio medico riniti, bronchiti croniche e asmatiche, anche con enfisema, tosse spasmodica, affezioni respiratorie di tipo allergico o virale, asma allergica, orticaria, cefalea.

Uso in cucina: Le foglie dell’elicriso forniscono un moderato aroma di curry e possono essere impiegate per insaporire risotti, minestre, carne di pollame e ripieni.

Controindicazioni: nessuna, salvo ipersensibilità individuale.

Erbe sinergiche: come per l’Elicriso Italico

Curiosità: Il nome del genere deriva dal greco "hélios", sole e "khrysós", oro. Il nome specifico potrebbe derivare dal greco “stòichades”, isole messe in fila, ossia le isole Porcherolles di fronte a Hyeres, essendo questo elicriso presente quasi esclusivamente nel bacino mediterraneo occidentale. Un tempo veniva bruciato negli interni per purificare l'aria. La pianta veniva utilizzata dai Romani per adornare le statue degli dei ed era legato al culto del Sole e al simbolo di eternità.

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.

Produttore:
Brisighello
Nessuna denominazione INCI per questo prodotto