Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Enula campana radice T.T.– (Inula Helenium L. ) Asteracee

4,50
4 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Famiglia: Asteracee

Nome botanico: Inula Helenium L.

Parte utilizzata: il rizoma

Descrizione: pianta perenne, robusta, alta fino a due metri, inferiormente vellutata e ramificata. Fusto eretto e grosso. Rizoma nodoso, carnoso, esternamente bruno-rossastro, all’interno biancastro, con odore forte e sapore amaro e aromatico. I fiori di colore giallo, sono disposti a capolini grandi con un diametro di sei-sette centimetri. Si trova nei luoghi sassosi, prati, campi umidi, ai margini delle strade e dei boschi dell’Europa, Asia occidentale, Giappone, America settentrionale. Nel meridione d’Italia è piuttosto rara. Cresce anche nelle zone montane dell’Italia settentrionale.

Componenti: elenina, inulina, alantopicrina, sali di magnesio, potassio e calcio, pectina, acido ascorbico.

Proprietà: tossifughe, anticatarrali, antisettiche, urinarie, coleretiche, diuretiche, antipruriginose.

Indicazioni: L'Enula campana è molto utile nel trattamento dei disturbi dell'apparato respiratorio. Il suo principio attivo, l'elenina, calma la tosse, modifica la secrezione bronchiale, disinfetta l'albero respiratorio e risolve le bronchiti catarrali conseguenti a raffreddamento. Inoltre ha la proprietà di fluidificare e stimolare la secrezione biliare, aumentare la diuresi, eliminare i vermi intestinali; in linea generale, secondo le più moderne vedute, l'Enula campana è utile per il trattamento contemporaneo del fegato e del rene, cioè disturbi della cistifellea, calcolosi epatica e renale, gotta, artrite, scarsa secrezione urinaria con iperazotemia. Per uso esterno l'Enula campana è un rimedio classico per pruriti conseguenti a eczema, herpes, eruzioni cutanee in genere. Le preparazioni di Enula campana sono amare e di sapore particolare tale da risultare poco gradevoli a taluni.

Uso in cucina: L'enula campana veniva utilizzata in passato per insaporire dessert e piatti a base di pesce.

Attenzione: assumere con cautela: dosi elevate causano diarrea e crampi. Da non somministrare in gravidanza. Prestare attenzione ad eventuali reazioni allergiche.

Erbe sinergiche: Agnocasto, Altea, Balsamo del Tolù, Farfara, Lichene Islandico, Origano, Primula.

Preparazioni: per dosaggi e preparazioni personalizzate, consultare sempre il proprio medico

Uso interno contro tossi catarrali, disturbi di fegato e reni

decotto del rizoma:un grammo in 100 ml di acqua. Bere due o tre tazzine al giorno.

Tintura: 20 grammi in 100 ml di alcol, macerare per dieci giorni, poi bere due - tre mezzi cucchiaini al giorno in acqua. Tintura vinosa: due grammi in 100 ml di vino, macerare per dieci giorni, poi bere uno - due bicchierini al giorno, puri o diluiti in acqua.

Uso esterno: come sedativo e antisettico contro le infiammazioni e i pruriti della pelle e delle zone inguinali.

Decotto: sei grammi in 100 ml di acqua. Fare lavaggi, applicare compresse imbevute di decotto sulle parti interessate.

Curiosità: macerando le radici di Enula nel mosto veniva preparato il ´Reps´ - bevanda utile come tonico-stimolante gastrico. I Greci ed i Romani la assumevano in decotto, dopo sontuosi banchetti, per stimolare la digestione. Il suo nome deriva dalla mitologica figura di Elena, figlia di Zeus; si dice infatti che la pianta crescesse là dove cadevano le sue lacrime. Nel I° secolo d.C. veniva consigliata per curare crampi, gonfiori, morsi di serpenti velenosi, sciatica ed emorragie profuse.

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.

Produttore:
Brisighello
Nessuna denominazione INCI per questo prodotto