Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Flos Animi . Le essenze italiane

Nutriamo noi la nostra sofferenza e non ce ne rendiamo conto, creiamo noi il nostro dolore e pensiamo invece che altri ne siano i responsabili. Le difficoltà di relazione le alimentiamo con il modo con cui noi ci poniamo nei confronti degli altri e degli avvenimenti, con il modo in cui parliamo, ascoltiamo, ci atteggiamo o reagiamo al mondo.

Questo è il cibo che ha fatto sì che si manifestassero le nostre difficoltà, siamo noi gli artefici della nostra vita e del nostro destino. Se fossimo capaci di guardare in profondità, forse potremmo arrivare a identificare le cause del nostro dolore, di ciò che lo nutre, ma spesso non siamo in grado di vedere e quindi di comprendere cosa stiamo facendo e come stiamo producendo infelicità. Se non siamo troppo orgogliosi chiediamo aiuto ad altri, medici o psicoterapeuti, secondo le necessità, per ottenere più equilibrio e benessere.

Ogni volta però che realizziamo il benessere, anche momentaneo, dobbiamo essere capaci di accoglierlo e di riconoscerlo, perché esso permanga, perché si stabilizzi nella nostra esistenza. Però così siamo, che solo quando una parte del nostro corpo si ammala, ci ricordiamo di quando stavamo bene ed eravamo privi di sofferenza. Essere in salute è davvero meraviglioso, ma il più delle volte non siamo in grado di riconoscerlo, eppure salute, benessere e serenità, sono qualità già presenti in noi.

Non sappiamo godere dei momenti di felicità che proviamo, eppure sono già lì disponibili, mentre aspettiamo di perderli per invocarli con disperazione. La natura è quel luogo vitale, dove energie sottilissime ci aiutano a ritrovare ciò che abbiamo perduto. I Rimedi Floreali Italiani sono stati scoperti da Giovanna Tolio, naturopata e spiritualmente allieva del Dr. Bach. e sono specifiche preparazioni ottenute dall’immersione di diciotto fiori italiani in acqua di fonte, attivati dall’energia del fiore e dell’elemento fuoco. Sono i fiori colti da piante che crescono in Italia e che vivono nella nostra natura e che hanno le loro radici nella terra sulla quale viviamo.

Questi fiori ci sono affini, risuonano con noi, per cui siamo in grado di assorbirne il potere, che è facilmente riconoscibile dal nostro sistema. Con la Floriterapia parliamo, quindi, di funzione “guaritrice” nel senso più completo del termine, perchè sensazioni, emozioni e sentimenti, così come i pensieri possono ricevere da queste energie nuovi impulsi per avere nuove visioni di vita.”Guariamo” il nostro corpo solo se riusciamo a riconquistare la nostra anima, solo se il nostro sentire diviene l’espressione di ciò che realmente siamo.

I Fiori Italiani “Flos Animi” sono proprio i fiori dell’animo ed è appunto l’animo della pianta stessa a cui appartengono l’energia utile a riportarci equilibrio e ad allontanare la sofferenza che noi con il nostro modo di vivere sviluppiamo. Da tutto ciò è chiaro che la Floriterapia è un uso della pianta che non deve essere confuso con la fitoterapia tradizionale, basata sull’estrazione di principi attivi chimicamente identificabili e dosabili.

I rimedi floreali si devono invece annoverare fra la “medicina vibrazionale“, cioè fra quelle forme di cura basate sull’approccio all’energia di una persona e che non si indirizzano solo alla sua struttura somatica e ponderale. Diciotto fiori, diciotto onde di luce ordinate ed armoniose che entrano nel nostro campo energetico, incrementano la nostra forza vitale e ci aiutano a ripristinare l’equilibrio e la salute. Un fiore è fatto di raggi di sole, di pioggia, di terra e vento, di energie impalpabili ed invisibili che ne sono l’essenza. E’ tale essenza che vibra con la nostra per attivare quei semi che sono già presenti in noi, per riconoscere e per manifestare la nostra reale forza.

Giovanna Tolio dal sito Flos Animi

I rimedi di fonte italiane sono preparazioni ottenute dall’ energia di sette differenti acque di fonte e dell’elemento fuoco. E’ il sole che potenzia la soluzione, nella quale sono presenti tutti e quattro i principi con i quali si esprime la creazione: Terra, Acqua, Aria e Fuoco, rendendola estremamente efficace.

Attraverso un processo di diluizioni si ottiene in seguito il Rimedio finale, che è possibile somministrare per via orale e/o applicare esternamente. Un Rimedio singolo o la combinazione di due o più fra essi, presi alcune volte nella giornata, condurranno la persona alla “salute” sia fisica che mentale e ad esprimere nel quotidiano una sempre più soddisfacente qualità di vita.

Somministrazione: dose, modo e tempo

I Rimedi di fonti italiane per gli esseri umani, per gli animali e per le piante si preparano usando identiche modalità, che vengono qui di seguito riportate:

modalità – preparazione terapeutica e assunzione sublinguale:

.diluire 2 gocce del singolo rimedio puro (Riserva/Stock) che è stato scelto, e 6 gocce del Rimedio Universale (Riserva/Stock), in un flacone di vetro scuro vuoto con contagocce da 30 ml, che può essere acquistato in farmacia; riempirlo con acqua minerale naturale di buona qualità (non effervescente e non acqua distillata che è acqua senza vita), aggiungendo eventualmente un cucchiaino di brandy nelle stagioni calde, per la conservazione del preparato.

Da questo rimedio preparato si assumono 3 gocce, tre o più volte al giorno, ponendole direttamente in bocca. In alternativa, porre 2 gocce del singolo Rimedio puro, o sei gocce del Rimedio Universale, direttamente in bocca sempre per tre o più volte al giorno.

2 modalità – preparazione diluita in acqua o in bevanda di qualsiasi tipo e assunzione orale:

.diluire 2 gocce del singolo rimedio oppure combinando due o più singoli Rimedi puri (o 6 gocce per il Rimedio Universale) in mezzo bicchiere d’acqua o in una bevanda fredda o calda, ma non bollente e sorseggiare lentamente per tre o più volte al giorno. In alternativa riempire una bottiglietta di acqua naturale da 1/2 litro e mettere 8 gocce di ogni rimedio prescelto all’interno e sorseggiare durante tutta la giornata + 1 goccia pura sotto la lingua prima di andare a letto.

Per quanto riguarda il Rimedio Universale è bene aumentare la frequenza di assunzione in caso di gravità o urgenza del caso e può essere considerato una validissima risorsa in attesa e in aggiunta al trattamento medico necessario. Qualsiasi modalità qui riportata si scelga, si consiglia di trattenere il liquido in bocca per qualche secondo prima di inghiottirlo.

Il ciclo di assunzione viene ripetuto fino ad ottenere i risultati desiderati (si consiglia comunque di assumerli tutti i giorni per almeno 3-4 settimane).

nb: queste preparazioni non rappresentano una sostituzione alle prescrizione mediche e si integrano perfettamente con qualsiasi tipo di trattamento ed in ogni caso si sottolinea l’uso del buon senso, come garanzia del risultato auspicato.

modalità – uso esterno:

.i rimedi di fonte possono essere usati anche esternamente, ponendo poche gocce pure o diluite in acqua direttamente sul chakra interessato. E’ possibile aggiungere uno o più rimedi nell’acqua del bagno per fare dei pediluvi e bracciluvi.

Le somministrazioni orali unite alle applicazioni esterne portano a risultati più rapidi.

Occorre sempre diluire i rimedi puri se la persona è sensibile all’alcool e se il rimedio è per i bambini. Trattandosi di energie sottili che hanno un’azione fisica e non chimica è possibile che queste energie si potenzino con la diluizione e che abbiano invece un effetto più immediato e fisico se mantenute pure. Ci sono prove, emerse in anni di esperienza floriterapica che attestano ciò, ma si è anche notato che ogni individuo reagisce in modo differente alla concentrazione, per cui è bene porre attenzione a se stessi per adottare la personale modalità. Si tenga presente che i rimedi di fonte non hanno controindicazioni.