Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

FRASSINO spinoso Zanthoxylum americanum Mill.

12.00
Punti: 600 punti
6 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Utile in caso di:

E' un rimedio che assomiglia al Capsicum, anche se è più lento nella sua azione. Viene utilizzato in molti problemi cronici e come coadiuvante, grazie alla sua azione alterativa e stimolante della circolazione ematica e linfatica, in molte condizioni che richiedono una azione disintossicante.
Le condizioni tipicamente trattate con questo rimedio sono problemi reumatici, dermatologici ed in genere ogni situazione di ristagno e di cattiva circolazione, come geloni, crampi agli arti inferiori, vene varicose e ulcere varicose. Tipico il suo utilizzo nelle malattie da raffreddamento e nei problemi di cattiva digestione o di crampi, grazie alla sua azione stimolante e antispasmodica.
Priest e Priest lo definiscono come uno stimolante “diffusivo”, che migliora la circolazione arteriosa e capillare migliorando il tono vascolare.
Gli autori concordano inoltre in massima parte con Ellingwood e Lloyd sulle indicazioni principali del rimedio:
- debolezza e rilassamento dei tessuti e delle mucose con ipersecrezione;
- atonia nervosa;
- atonia gastrica iposecretiva; gonfiore addominale, coliche, flatulenza ed eruttazioni;
- secchezza delle fauci;
- circolazione lenta o congestionata;
- convalescenza degli anziani;
- nevralgie, parestesie;
- condizioni reumatiche;
- condizioni catarrali.
La medicina tradizionale lo ha utilizzato come rimedio per il mal di denti.
Moore lo considera un forte stimolante dello stomaco, uno stimolante del tratto intestinale e del fegato, del tratto riproduttivo, respiratorio, cardiovascolare, della pelle e delle mucose, del sistema nervoso centrale (la corteccia), del parasimpatico e, i semi, anche del simpatico. E’ invece un rilassante dei reni (semi).
L’autore dà le seguenti indicazioni:
- dolori reumatici cronici con debolezza digestiva, debilitazione, cattiva circolazione o nevralgie intercostali;
- dismenorrea con poco appetito, debolezza digestiva, sensazione di freddo e costipazione;
- come vasodilatatore cerebrale per aumentare la biodisponibilità di glucosio (e non la sua concentrazione ematica);
- linfangite subacuta;
- apatia aggravata dal freddo con metabolismo lento.

tratto da qui

Prova la nostra tisana PURI ESSIAC

 

Avvertenze: Queste indicazioni sono da intendersi come suggerimenti e non vogliono sostituirsi alla diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.

Nessuna denominazione INCI per questo prodotto