Cerca per produttore

Fumaria - (Fumaria Officinalis L. - Papaveracee)

4,80
5 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Famiglia: Fumariacee

Ordine: Ranuncolacee

Nome botanico: Fumaria officinalis L.

Descrizione: è una pianta erbacea annuale, con radice bianco-giallastra e fusto sdraiato, gracile alto 10-20 cm. Ha foglie sottili, di colore dal verde al porpora cupo. I fiori sono piccoli, raccolti in infiorescenze molto irregolari, dal rosa al porporino. E’ presente nei suoli arati, (“malerba”), come nelle boscaglie di latifoglie, in tutta Italia, ma soprattutto nelle zone centro-meridionali.

Parte utilizzata: erba fiorita, a volte lapianta intera.

Componenti: fumarina, resina, tannino, mucillagine, colina e flavonoidi con effetto antispastico, depurativo del sangue e regolante il flusso biliare.

Proprietà: Recenti esami clinici confermano che la fumaria liquefa la bile, esplica un effetto positivo sulle condizioni di reflusso biliare ed ha effetto spasmolitico sullo sfintere del condotto biliare. Da qui le proprietà depurative ed abbassanti il colesterolo.

Utile come: Regolatore epatobiliare, anti-arteriosclerosi, riduce l’iperglobulia e l’iperviscosità del sangue, tratta l’anemia e il linfatismo, le dermatosi e le emorroidi. Recentemente gli è stata riconosciuta un’attività drenate nei confronti del pancreas. Per le dermatosi sono utili impacchi della pianta intera sulle lesioni.

Uso in cucina: si utilizzano i getti teneri cotti per minestre o zuppe, ma ha un sapore amarognolo, di fumo, per questa ragione deve essere usata con molta cautela.

Controindicazioni e incompatibilità:  a dosi elevate può procurare diarrea. E’ da evitare l´associazione con farmaci o piante ad azione sedativa.

Erbe sinergiche: Tarassaco, Bardana, Rafano, Boldo, Cardo Mariano, Genziana, Melissa, Vite Rossa Menta Piperita, Carciofo, Ononide, Rafano, Salsapariglia, Tiglio, Erisimo, Frassino.

Preparazioni: per dosaggi e preparazioni personalizzate, consultare sempre il proprio medico

Tisana contro eczemi e psoriasi: versare 150 ml d'acqua bollente su uno o due cucchiaini di fumaria essiccata. Lasciare in infusione per circa dieci minuti ed infine filtrare. Berne per diversi giorni, ma fare una pausa ogni due settimane. Per uso esterno, si può utilizzarla per impacchi o aggiungerla all'acqua della vasca per il bagno.

Tisana contro la stipsi: versare 150 ml d'acqua bollente su due cucchiaini di fumaria essiccata. Lasciare in infusione per circa venti minuti ed infine filtrare pur non avendo la pianta proprietà specificatamente lassative, tuttavia lenisce i dolori causati da crampi e aiuta in caso di difficoltà di evacuazione. Bere una tazza di infuso due volte al giorno, la mattina e la sera, prima di coricarsi.

Curiosità: Il nome Fumaria deriva dal latino medievale = “fumo della terra”. Questo appellativo può derivare sia dall’odore che si sprigiona quando la pianta viene sradicata da terra, sia dal suo colore grigiastro quasi evanescente che la fa somigliare al fumo, soprattutto se vista da una certa distanza. Durante il medioevo la pianta fu dimenticata ed è stata riscoperta solo in tempi recenti da fitoterapeuti francesi. Viene considerata in molti paesi del mondo, pianta che aiuta a diventare "centenari". Il calendario repubblicano francese (Calendrier de la République universelle et indivisibile) dedicava un giorno a questo fiore, infatti il 13 di Ventose,corrispondente al 3 di Marzo, era chiamato Fumeterre (che è il nome francese della Fumaria). Nella medicina popolare veniva usata in impacco sugli occhi infiammati, l’infuso come disinfettante delle ferite, in sostituzione dell’alcol. Contro gli eczemi e la psoriasi, si strofinava la pianta fresca sulla pelle, oppure si usava l’infuso dei suoi fiori emulsionato con olio d’oliva. 

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.

Produttore:
Brisighello
Nessuna denominazione INCI per questo prodotto