Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Issopo sommità T.T. (Hyssopus Officinalis L) Labiatae

4,50
8 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Denominazione Botanica : Hyssopus officinalis L.

Denominazione comune: Issopo

Parti utilizzate: foglie e sommità fiorite. Dopo la raccolta bisogna provvedere subito alla loro essiccazione in luogo ventilato e all’oscurità.

Famiglia: Labiatae (come la menta)

Descrizione: è una pianta originaria dell'Europa meridionale e dell'Asia occidentale, cresce spontanea soprattutto nelle zone montane del Nord Italia, fino ai 1200 m di altitudine. viene coltivata sia come pianta aromatica che per le sue proprietà officinali.

Costituenti principali e uso: L'Issopo contiene olio essenziale, tannino, colina, glucosidi, flavonoidi. Ha proprietà depurative, carminative, cicatrizzanti, fluidificanti. L’infuso e il decotto di Issopo si usano per tonificare il sistema nervoso in caso di bronchite asma, meteorismo e problemi all’apparato digerente, Gli impacchi servono per eliminare la stanchezza oculare e per purificare la pelle, i gargarismo per lenir le infiammazioni di gola e bronchi, In cosmetica, l’issopo viene usato per esaltare varie profumazioni. In caso di dolori articolari, gli impacchi d’infuso vengono applicati caldi sulla parte, per consentire alla cute di assorbire i principi attivi utili alla cura. le foglie più tenere servono per aromatizzare insalate, minestre e arrosti.

Curiosità: Il suo nome botanico può derivare sia dal Greco, “ hyssopos”, “a forma di freccia”, che dall'ebraico Esobh che significa “erba sacra. Si narra che il re Salomone usasse olio di issopo e legno di cedro per cospargersi il corpo e prevenire la lebbra. In cucina l'Issopo viene usato per insaporire diverse pietanza e per aromatizzare liquori e aceto. mentre nell’antichità numerose popolazioni lo usavano per produrre un vino particolare, dal sapore pungente. Si legge nell’Antico Testamento che l’Issopo fu adoperato come pennello, per contrassegnare col sangue d’agnello le porte delle famiglie d’Israele, per renderle riconoscibili e risparmiarle dalla furia dell’Angelo Distruttore in occasione della fuga dall'Egitto. Mentre il uovo Testamento ricorda che Gesù crocifisso venne pietosamente dissetato con una spugna imbevuta d’aceto e fissata ad un legno di Issopo.

Avvertenze: cautela in gravidanza, allattamento e sui bambini di età inferiore a tre anni.

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.

Produttore:
Minardi e figli S.r.l.
Nessuna denominazione INCI per questo prodotto