Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Muschio quercino tallo T.T. (Evernia prunastri) - Usneacee

4,50
4 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Nome botanico: Evernia prunastri.

Famiglia: Usneacee

Componenti principali: Acido evernico, acido usnico, orcinolo, everninato di metile

Descrizione: è un tipo di lichene molto usato moltissimo nell’industria dei profumi. Si trova nelle foreste con clima temperato soprattutto nell’Europa Centrale. Cresce principalmente sul tronco e sui rami delle querce, ma si trova anche su conifere, come l'abete ed il pino. Il tallo del muschio quercino è corto e cespuglioso, crescendo forma masse consistenti e diramate, simili alle corna del cervo. Il colore va dal verdastro-bianco quando è secco, e verde oliva o giallo-verde, di consistenza gommosa quando è fresco e bagnato. Viene usato spesso sotto forma di olio essenziale come fissativo dei profumi e forma le note di base di molte fragranze. Questo lichene ha un odore complesso, che può essere descritto come legnoso, acre e un po' dolce. Quello che cresce sui pini ha, invece, uno spiccato odore di trementina. E’ noto soprattutto il suo olio essenziale, anche se le sommità del muschio quercino hanno effetti emollienti e lassativi, ma sono da usare con molto prudenza. In aromaterapia il suo interesse è legato alle caratteristiche del suo profumo: come in altri oli essenziali come il sandalo e l’angelica, sono presenti sostanze che mimano l’effetto dei feromoni, che giocano un ruolo importante per l’attivazione dei segnali di richiamo legati alle funzioni dell’accoppiamento e della riproduzione.

E’ un profumo equilibrante, rilassante, afrodisiaco, particolarmente indicato contro lo stress e in casi di insonnia e di calo del desiderio sessuale. Applicato sulle mani e sui piedi ogni mattina, aiuterebbe ad affrontare le situazioni con più forza e sicurezza.

Attenzione: L'olio essenziale di muschio quercino deve essere sempre utilizzato diluito.

Curiosità: Gli antichi Egizi lo usavano per fare il pane: questa usanza è stata mantenuta anche da arabi e copti (secondo Sharnoff ,1997). E’ stato anche adoperato per tingere la lana di colore viola: prima dell’uso, veniva trattato con acqua e ammoniaca, poi lasciato fermentare per due o tre settimane. Verso la metà dell’800 era considerato astringente ed un febbrifugo, raccomandato contro le patologie polmonari. La Farmacopea del 1846 lo indica come tonico contro la debolezza intestinale.

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.
Produttore:
Minardi e figli S.r.l.
Nessuna denominazione INCI per questo prodotto