Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Olio essenziale di pepe rosa – Schinus Molle – Lentisco - Anacardiacee

9.00
Non disponibile in magazzino
  • Pinterest

Il morbido Schinus, comunemente chiamato "falso pepe"  e a volte  "pepe rosa" non appartiene alla stessa famiglia di pepe, è un albero della Anacardiaceae, nativo d'America Sud;  probabilmente il Perù ha introdotto  i nomi vernacolari "albero del Perù" o "pepe peruviano" a lui attribuiti.  
L'olio essenziale si ottiene con la distillazione dei frutti e delle foglie di  pepe rosa peruviano,  spesso mescolato con pepe nero e pepe bianco. Le proprietà antibatteriche di questo olio sono interessanti contro i raffreddori e il suo uso è particolarmente popolare tra gli atleti, che lo utilizzano per preparare i muscoli o per alleviare i dolori. L’olio essenziale per uso interno viene usato nella quantità di  3 o 4 gocce insieme da una tazza di  the caldo al mattino e alla sera. Il suo profumo fresco e delicato di spezie, molto apprezzato in profumeria, aiuta a combattere la stanchezza. In cucina, il suo delizioso sapore  accompagna spesso piatti di  pesce e carne.

COMPONENTI  PRINCIPALI: Fellandrene, Cariofillene, Pinene, Carvacrolo

PROPRIETA’

·  Tonificante, aiuta a ripristinare il tono quando la vitalità declina.

·  Riscaldante e anti-infiammatorio: porta sollievo alle articolazioni e muscoli doloranti ed è importante per la preparazione sportiva.  

·  Migliora la circolazione sanguigna e la diuresi.

·  Espettorante e antisettico, utile in caso di raffreddore e tosse.

·  tonico digestivo.

·  Antibatterico: gli studi hanno dimostrato la sua efficacia su Staphylococcus. Aureus ed Escherichia coli.

·  In caso di miscela con altri oli essenziali, purifica l'atmosfera delle abitazioni.

IN PRATICA

 

Preparazione per lo sport: miscelare 10 gocce di olio essenziale di 10 ml in un olio vegetale. Massaggiare le gambe prima di uno sforzo muscolare.

 

diffusione atmosferica: diluito con altri oli essenziali, nel momento in cui ci si sente pronti e disponibili ad accettare i benefici dell'olio essenziale (meditazione seduta, relax o semplicemente rilassarsi). Ripetere più volte alla settimana, se necessario.

Per uso interno: viene usato nella quantità di  3 o 4 gocce insieme da una tazza di  the caldo al mattino e alla sera.

 

INDICAZIONI

problemi digestivi: gonfiore, coliche, nausea,  disturbi gastrici, infezioni intestinali, dolori muscolari o articolari: Artrite, artrosi, reumatismi, tendinite;  Preparazione dei muscoli allo sforzo;  stanchezza fisica; Raffreddore, tosse; purificazione locale.

 

SINERGIE

·         affaticamento fisico: gli oli essenziali Peccio nero, Ravensara, pepe nero, menta piperita, pino silvestre

·         Preparazione dei muscoli: oli essenziali che si trovano eucalipto, limone, pepe nero, canfora rosmarino.

·         Il profumo speziato e delicato dell'olio essenziale di pepe rosa è apprezzato in profumeria per migliorare un accordo floreale discreto.  Carattere Legnoso-speziato, collabora bene con cedro, pino e legno di sandalo.

·          

CURIOSITA’

 Gli Inca lo consideravano una panacea, grazie alle sue numerose proprietà. Gli indiani usavano il grano, una volta maturo, per preparare un decotto, senza estrarre la parte amara della pianta, eseguendo quindi una macerazione leggera. Veniva lasciato a riposare alcuni prima di essere consumato: utile per dare sollievo ai disturbi delle vie urinarie e della incontinenza. L’acqua di cottura dalla corteccia, invece, è di sollievo al gonfiore delle gambe, La resina e le foglie sono state adoperate per lenire ferite e ulcere. L'Inca ha usato anche i rami per la cura dentale, la resina come lassativo, il succo come collirio, foglie e frutti in pomate contro dolori articolari. Queste proprietà sono ancora oggi utilizzate da alcuni guaritori andini. In Ande peruviane precisamente, il suo legno è utilizzato anche per la realizzazione di barriere o come combustibile e sue bacche sono usate per fare la “chicha”, una specie di birra locale.


La letteratura di questa pagina non costituisce in alcun modo una prescrizione, ma semplicemente è frutto di informazioni dedotte da varie pubblicazioni e studi scientifici attinenti il prodotto. Il suo uso  non sostituisce una consultazione terapeutica adeguata. Il Laboratorio Sauro non si ritiene responsabile per l’uso del prodotto difforme da quanto esposto.

Nessuna denominazione INCI per questo prodotto