Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Robbia tintoria radice (Rubia tinctorum)

11,50
13 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Colorante vegetale di colore rosso. 
La robbia é una specie originaria delle regioni d’Europa meridionale e dell’Asia; può raggiungere un’altezza di circa un metro, ha foglie strette, disposte a spirale attorno al fusto, fiori giallo-verdastro e un frutto rosso a bacca che diventa nero lucente una volta maturo. La robbia è forse la più importante pianta tintoria: era coltivata fin dall’antichità per produrre un particolare colorante (l’alizarina), ma da noi, siccome non si tinge quasi più con i vegetali, è ormai sconosciuta. Si possono però vedere dei grandi cesti di radici di robbia nei mercati persiani o marocchini, dove ancora viene usata per i lavori artigianali. La robbia ha radici rossastre, ramificate, con un odore forte. Della pianta si conservano i frutti, per avere le sementi, e le radici, per tingere. Il resto viene scartato. Le radici della robbia vengono raccolte dal diciottesimo al trentesimo mese di vegetazione, vengono fatte seccare e ridotte in piccoli pezzi.

I coloranti chimici pur essendo facili da usare per ottenere tonalità vivaci e brillanti,  non consento  di raggiungere gli effetti delicati dei coloranti naturali 

Appunti per la colorazione dei tessuti/filati con coloranti vegetali

Per la chimica dei coloranti vegetali rimandiamo a questo link

I COLORI DALLA NATURA: gruppo facebook

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.

Nessuna denominazione INCI per questo prodotto