Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

SALICARIA sommità T.T. - (Salcerella -, Lythrum salicaria L.)

4.00
9 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Nome botanico: Lythrum Salicaria L.

Famiglia : Lithraceae

Costituenti principali: antacianosidi, C-glucosidi di flavoni, Vitexina, triterpeni, tannini, vescalgina, pedunculagina, acidi-fenoli, mucillagini.

Attività principali: astringente e antinfiammatoria, antiemorragica e vulneraria.

Impiego officinale: infiammazioni acute e croniche della mucosa gastrointestinale, dissenteria, diarrea emorroidi, insufficienza venosa.

Utilizzo: La Salicaria è ritenuta un rimedio utile nel caso di dissenterie di media importanza, l’elevato contento di tannini, mucillaggini e flavonoidi giustificano l’azione antinfiammatoria e antivirale a livello intestinale: per tale azione è considerata un rimedio efficace anche contro la leucorrea. Può essere usata come cataplasma per uso topico o per via orale anche per contrastare le emorroidi e la stanchezza degli arti inferiori. Si può usare come collutorio anche contro le affezioni flogistiche del cavo orale.

Effetti collaterali: la letteratutra non ravvisa effetti secondari, fatta salva la personale intolleranza ai componenti chimici della pianta.

Praparazioni: consultare sempre il medico per dosaggi e preparazioni personalizzate

come Infuso: (da 1 a 3 cucchiai  di prodotto per un litro d’acqua ) da assumere suddiviso in 4 tazze al giorno

Decotto: cataplasma al 10% uso esterno

Polvere:  3-5 grammi al giorno da assumere in dosi da 1 grammo.

Tintura madre (da parte aerea): 30 gocce diluite in acqua, 3-4 volte al giorno.

Curiosità: il suo nome Salicaria deriva dal greco e significa “coagulo di sangue” avendo i fiori di colore rosso acceso. Dioscoride ne raccomandava l’uso come cataplasma  sulle ferite per fermare le emorragie e per moderare il flusso mestruale. Leclerc usò proficuamente la Salicaria per combattere un’epidemia di dissenteria, verificatasi tra i soldati francesi  durante la prima guerra mondiale e nel trattamento di enterite emorragica,  manifestatasi in alcuni reduci dalla prigionia nella seconda guerra mondiale.

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.

Nessuna denominazione INCI per questo prodotto