Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Saponaria radice T.T. (Saponaria officinalis) - acne - psoriasi - detergente

4,50
2 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Pianta della famiglia delle Cariofillacee, ama i terreni freschi e umidi, come le ripe dei fossi. Non può essere cotivata in casa e predilige la penombra. Il nome deriva dal Latino "sapo" che significa sapone,in riferimento alle proprietà saponificanti della sua radice.

Componenti: saponine tritepeniche, acido quillaico, mucillagini, zuccheri, olio essenziale, acido glicolico, acido glicerico, zuccheri riduttori, galattano gomma, olio essenziale, flavonoidi, saponarina, vitexina, saponaretina.

Propretà: sono principalmente depurative, diuretiche, sudorifere e toniche. Il decotto di foglie e radici si usa anche nei casi di pigrizia epatica, nelle dermatosi, contro eruzioni cutanee, bronchiti, artrite, dermatosi, colesterolo alto. Come detergente, si fanno bollire per 30 minuti, 30 gr di radice di saponaria in tre litri d'acqua e si usa la parte liquida, dopo la filtratura, per lavare parti del corpo e anche i panni.

Curiosità: venne coltivata fin dal Medioevo per il suo alto contenuto di saponina, presente nei gambi, nelle foglie e soprattutto nelle radici, grazie alla quale esercita il suo delicato ma efficace potere detergente. Un decotto di saponaria, ottenuto facendo bollire le diverse parti della pianta in acqua piovana, è molto adatto a ridare splendore a tessuti antichi i cui colori siano stati offuscati dalla polvere e dal tempo. Un decotto di saponaria, ( bollire per 30 minuti 30 gr di radice in tre litri d'acqua), dopo essere stato filtrato, può venir usato come shampoo rinforzante per capelli fragili e sfibrati o per detergere le pelli delicate: non produrrà molta schiuma, ininfluente sulla sua qualità detergente. Il suo rizoma raccolto in autunno serviva per lavare la lana o per confezionare rudimentali paste dentifrice.

Cosmesi: mettere 50 gr di rizoma di saponaria e 50 gr di rizoma di rabarbaro in un litro di acqua. Applicare sul cuoio capelluto durante l'ultimo risciacquo per ottenere sfumature bionde.

Avvertenze: i preparati per uso orale devono essere consumati velocemente, altrimenti diventano tossici. Si consiglia pertanto, per l'uso interno della Saponaria, di consultare sempre preventivamente il proprio medico curante

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.

Produttore:
Minardi e figli S.r.l.
Nessuna denominazione INCI per questo prodotto