Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Linea METIS


L’applicazione dei colori estratti dalle pietre preziose, secondo la tradizione alchemica, trova in Paracelso  il maggior esponente della cultura medica occidentale. Egli affermava che il rimedio alla malattia si ritovava nelle erbe,nelle parole e nelle pietre. Di queste ultime, egli utilizzava l'energia luminosa monocromatica per riportare ad uno stato di equilibrio l’energia fisica dell’individuo. Questa visione viene ripresa da molte medicine tradizionali che utilizzano l'Arcobaleno come rappresentazione dettagliata della LUCE . Ad ogni frequenza luminosa associano l'idea di un "nutrimento" che ha corrispondenze dettagliate con ogni parte del corpo. Così si apprende che: il ROSSO governa la funzione digestiva, l'ARANCIONE le secrezioni mucose, il GIALLO il fegato e la cistifellea, il VERDE muscoli, unghie e capelli, il BLU i meccanismi legati all'udito e alla gola, l'INDACO il sistema della riproduzione, il VIOLA la pelle. Al momento, tra tutte le frequenze monocromatiche esistenti in natura, vengono ufficialmente utilizzate solo quelle dell’infrarosso e dell’ultravioletto. Nei composti della linea "Metis" si sfruttano in modo spagyrico le proprietà dei cristalli associati a piante con la stessa frequenza vibrazionale. i cristalli usati sono:
DIAMANTE, CALCITE, AMBRA, QUARZO, CORALLO, PIETRA GIACINTO, LAPIS STELLATUS, PERLA, GRANATO, OCCHIO DI GATTO,ZAFFIROTURCHESE, RUBINO, ONICE, EMATITE, TOPAZIO, SMERALDO; nell'Eluttuario Gemme Caldo, si usano molti cristalli e pietre, in aggunta la PIETRA SARDA; nell'Eluttuario Gemme Freddo, si usano gli stessi cristalli, ma cambiano le piante associate.