Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Syringa Vulgaris infuso di gemme fresche

13.50
2 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Nome botanico: Syringa vulgaris

Nome Volgare: Lillà, Serenella

Famiglia: Oleaceae

Parti utilizzate: gemme

Descrizione: questo genere comprende alcune specie di arbusti, diffusi in Europa e in Asia, di medie dimensioni, che non temono le temperature invernali e neanche estive; gli esemplari adulti possono raggiungere i 2-3 metri di altezza. Il fogliame è di colore verde chiaro, molto persistente: in genere il Lillà è una delle ultime piante a perdere le foglie in autunno. Verso la primavera inoltrata produce grandi “spighe fiorite”, costituite da fiorellini lilla, appena profumati. Ci sono anche altre varietà a fiori bianchi, viola o screziati. Ai fiori seguono piccole capsule legnose, contenenti i semi. Molto diffusa, di facile coltivazione, usata anche come siepe.

Proprietà: il gemmoderivato si ottiene dalla macerazione delle gemme fresche. Favorisce la vasodilatazione coronarica, migliorando il trofismo del miocardio. Inoltre, combatte i processi arteriosclerotici. Indicazioni: Angina pectoris, (con Cornus sanguinea Crataegus Oxyacantha) . sindromi coronariche, miocardio-coronaro-sclerosi, Insufficienza coronarica (con Cornus sanguinea).

Dosaggio generico del gemmoderivato: 25-30 gocce, 2-4 volte al dì, lontano dai pasti

Curiosità: In Russia si utilizza l’olio di Lillà come antireumatico. Pervenuta a noi dalla Persia grazie agli Arabi. Pare che sia stata introdotta in Austria da un Ambasciatore dell’Imperatore Ferdinando I°, che la ricevette in dono dai giardini di Costantinopoli. Da sempre il Lillà è simbolo della primavera parigina, perché all'inizio del '900, Parigi, soprattutto nella persona del vivaista Victor Lemoine, riforniva di queste piante i fioristi di tutta Europa. Il suo nome scientifico è di origine greca: (da "syrinx = tubo cavo", da cui siringa). Questa pianta un tempo era nota anche come “pipa azzurra”, per i suoi steli cavi che venivano usati per realizzare pipe da fumo. Il significato simbolico cambia a seconda del suo colore: i fiori di lillà nella varietà bianca ricordano fanciullezza, e innocenza; quelli della varietà viola esprimono innamoramento. Tuttavia in alcuni luoghi si dice che regalare un rametto di lillà significa preannunciare la rottura di un contratto o di un fidanzamento, come ad esempio in Persia, dove gli amanti ne donavano un ramoscello alle loro donne quando volevano lasciarle. In Inghilterra si dice che le ragazze che indossano un fiore di Lillà non si sposeranno mai, mente in America si crede che chi si adorna con questi fiori, a meno che non sia il primo maggio, incorre sicuramente in disavventure d'amore.

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.

Nessuna denominazione INCI per questo prodotto