Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Balsamo del Tolù - (Myròxylon Toluìferum).

12,00
Punti: 600 punti
5 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Balsamo del Tolù - (Myròxylon Toluìferum).

ll Balsamo del Tolù è una resina ottenuta dall'incisione della corteccia di un albero di origine sudamericana, il Myroxylon Toluìferum. Il suo nome, Myroxylon, deriva dal greco muron = olio odoroso, profumo e xulon = legno, legno odoroso, per il balsamo che da esso stilla; Toluìferum significa “ che dà il Tolù2, (da Tholù, città della costa nord della Columbia) o dal nome dei popoli nativi, Tolúes, che abitavano lì. Ha un odore intenso ed aromatico che richiama quello della vaniglia. E’ molto utilizzato negli sciroppi per alleviare la tosse, in quanto fluidifica le secrezioni bronchiali e favorisce l’espettorazione, svolge inoltre un’azione antisettica delle vie respiratorie. In sinergia con altre essenze balsamiche che completano l’effetto del Tolù, si ottengono formulazioni adatte anche ai bambini.

Questo balsamo deriva da una resina che si ottiene incidendo la corteccia di grandi alberi tropicali; questa viene in seguito distillata con il vapore fino a ottenere il prodotto: poi, la resina, una volta asciutta, viene raschiata e purificata per produrre l'olio essenziale. Il dott. Robert M. Weir descrisse la procedura per la raccolta della resina: “si praticano, nella scorza della pianta, due incisioni, profonde e oblique, le cui estremità inferiori si incontrano a formare un angolo acuto, al livello del quale si fissa una zucca grande come una tazza da the. Il personale addetto all’incombenza versa poi quanto raccolto nella zucca in sacchi di cuoio, che servono a trasportarlo nei porti, ove lo si travasa in cilindri di stagno. Il "salasso" degli alberi si effettua durante otto mesi dell'anno. Il balsamo del Tolù ci arriva quindi sotto forma di resina poco fluida, molle, ma non vischiosa. Si utilizza sotto forma di sciroppi, estratti fluidi, tinture idroalcoliche. Viene definito “balsamo” a causa del suo duplice potere: ricostituente per la pelle, come un balsamo appunto, e benefico per il sistema respiratorio, grazie al suo aroma fresco e penetrante. il Balsamo del Tolu è consigliato anche per calmare ansia e stati di inquietudine.

La qualità fitoterapica più nota del Balsamo di Tolù è legata alla sua utilità come espettorante e antispasmodico, capace di aiutare in caso di bronchiti e irritazione delle vie respiratorie. Si può usare come suffumigio, respirando sopra un catino d’acqua molto calda in cui si diluiscono un paio di gocce di balsamo del Tolù e altrettante di olio essenziale di Eucalipto; Lo si trova anche contenuto in sciroppi ed estratti erboristici. In sinergia con altre essenze balsamiche che completano l’effetto del Tolù, si ottengono formulazioni adatte anche ai bambini.

Qualcuno lo confonde col balsamo del Perù, estratto dal Myroxylon Balsamiferum, perché pensa siano lo stesso prodotto: anche se del tutto simili, hanno nomi e particolarità diverse, a partire dalla etimologia: Myroxylon, dal greco muron = profumo e xulon = legno, allusione al balsamo profumato che stilla da canali secretori , (insiti però nella corteccia e non nel legno); balsamiferum col significato “che produce il balsamo”. Originario della costa del San Salvador, è un albero imponente, con un caratteristico fusto slanciato con rami a due metri dal suolo, le sue foglie sono composte e ha fiori bianchi piccoli, raccolti in spighe. Il frutto è un legume. il balsamo del Perù si chiama Myroxylon balsamum e nel XVII secolo era considerato un fondamentale antiparassitario e cicatrizzante. Era tenuto in notevole considerazione dai capi indigeni e largamente usato dai popoli del sud America per favorire la guarigione delle ferite. Anche oggi viene usato a tali scopi, anche se meno conosciuto e adoperato.

La letteratura di cui sopra è tratta da documentazioni di ricerca: non sostituisce il parere del medico, che deve essere sempre consultato prima di assumere qualunque rimedio, anche per via esterna.

Nessuna denominazione INCI per questo prodotto