Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Hedyotis Diffusa - Bai Hua She She Cao

7,50
6 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Si dice che in un carcere di Taiwan una volta un detenuto, tre giorni prima della sua esecuzione,  abbia rivelato il nome di alcuni rimedi  erboristici antitumorali.  Uno di questi era il  Bai Hua She She Cao (Oldenlandia Diffusa o Hedyotis Diffusa),  che cresce soprattutto in Giappone e nella parte meridionale della Cina. Si tratta di una pianta annuale, alta da 15 a 50 centimetri, radice lunga e sottile, ramificata e con fiori bianchi. Cresce spontanea soprattutto in zone rocciose di montagna, verso i 1.800 metri,  Ci sono due tempi di raccolta di questa erba, da metà a fine agosto  e  verso metà novembre. Le parti usate sono quelle aeree della pianta.  Secondo la Medicina Tradizionale Cinese,  agisce sui meridiani dell'intestino,  fegato,  stomaco, cuore, milza, colon.  Si dimostra disintossicante,  favorisce la diuresi Si usa  anche contro  mal di gola, tosse e dispnea, difficoltà di minzione,  infezioni urinarie, ittero, edemi. Ma è soprattutto una delle erbe in grado di combattere i carcinomi, effetto ampiamente dimostrato,  inibisce la crescita di cellule tumorali, linfociti, granulociti, cellule mononucleate. Risulta utile contro i tumori del tratto gastroenterico: carcinoma nasofaringeo,   polmonare, pancreatico, tumore della mammella, neoplasie dell'esofago e dello stomaco ed anche alcune forme di leucemia. Gli effetti dipendono comunque dalla sensibilità e dalle condizioni individuali.

Questa erba e le sue proprietà officinali sono state descritte formalmente nel 1949 nel testo “Antologia di erbe di Guanxi”. Il testo dice che "l'erba è usata per curare malnutrizione infantile e tumori, e, se usato esternamente, è efficace per combattere vescicole, ittiosi e lesioni della cute." E’ stata anche menzionata brevemente nella moderna medicina popolare, nel libro “Erbe officinali del Sud Fujian” descrivendola come "erba amarognola, non tossica, utilizzata per pulire il sangue e alleviare il dolore dovuto alla circolazione di tossine nel  corpo” Infine, il libro “Materia Medica di Quanzhou” (Quanzhou è una città portuale della provincia del Fujian), sintetizza: "Hedyotis Diffusa  purifica il sangue, è usata esternamente nel trattamento di   eczemi, internamente contro infezioni polmonari” La gamma di applicazioni officinali nella moderna medicina cinese è più ampia,  e comprende il trattamento  bronchiti, infezioni ginecologiche, infiammazioni pelviche, epatite, leucemia e  cancro; topicamente, viene applicata  sulla parte lesa per il trattamento di foruncoli, piaghe della pelle e ulcerazioni. 

I componenti attivi di questa  pianta sono notevoli quantità di acido oleanolico e del suo isomero, l’acido ursolico (vedi figura)  e triterpeni pentaciclici, da cui deriva il potenziale anti-infiammatori o e antitumorale della pianta. Questi composti si trovano anche in diverse altre erbe, come la Forsizia e d il Ligustro,  incluse nella famiglia di piante Oleanaceae, da cui deriva il nome di acido oleanolico.

Preparazioni: Per dosaggi e preparazioni personalizzate, consultare sempre il proprio medico uso interno, (infiammazioni polmonari): decozione da 15 a 60 grammi di erba al giorno, in due o tre somministrazioni. Il decotto risulta un po’ amarognolo con una punta di dolce. Uso esterno, (eczemi, malattie della pelle): utilizzare 3-4 grammi di polvere per 2-3 volte al dì,  applicandola sulla cute dopo opportuna bollitura. Non ci sono controindicazioni, per l'uso interno, tranne gravidanza e allattamento.

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.

 

Bibliografia e alcune fonti:

 

Chang HM and But PPH (editors), Pharmacology and Applications of Chinese Materia Medica, (2 vols.), 1986 World Scientific, Singapore.

Bensky D and Gamble A, Chinese Herbal Medicine: Materia Medica, 1993, Eastland Press, Seattle, WA.

Chang Minyi, Anticancer Medicinal Herbs, 1992 Hunan Science and Technology Publishing House, Changsha.

Ou Ming, et al., An Illustrated Guide to Antineoplastic Chinese Herbal Medicine, 1990 The Commercial Press, Hong Kong.

Mitchell C, et al  Ten Lectures on the Use of Medicinals from the Personal Experience of Jiao Shude, 2003 Paradigm Publications, Brookline, MA.

Li Ninghon, et al., Chinese Medicinal Herbs of Hong Kong, 1986 Chinese Medical Research Institute, Hong Kong.

Gupta S, et al, Anticancer activities of oldenlandia diffusa, Journal of Herbal Pharmacotherapy 2004; 4(1): 21-33.

Shan BE, Zhang JY, and Du XN, Immunomodulatory activity and antitumor activity of Oldenlandia diffusa in vitro, Chinese Journal of Integrated Traditional and Western Medicine 2001; 21(5): 370-374.

Giorgio Beltrammi, Farmacologia Tradizionale Cinese, Editrice Lulu, 2012, pp. 88

 

Nessuna denominazione INCI per questo prodotto