Attenzione Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. L'utilizzo di questo sito implica la tacita accettazione della nostra Informativa sui Cookie. CHIUDI
Cerca per produttore

Lavanda sommità T.T.- (Lavandula hybrida) Labiate

6,90
8 articoli
+
Aggiungi alla lista dei desideri
  • Pinterest

Famiglia: Labiate

Nome botanico: Lavandula angustifolia Miller

Descrizione: pianta a portamento cespuglioso, con rami diritti. Le foglie inferiori sono coperte da una patina bianca mentre quelle poste sul fusto sono più strette e verdi. I fiori sono raccolti in falsi verticilli, la corolla è violetta, il frutto è composto da quattro acheni bruni. Originaria del bacino dei Mediterraneo, è oggi coltivata dappertutto

Parti usate: sommità fiorite.

Componenti principali: butirrato, cineolo, cariofilline, valerianato, cumarina, geraniolo. Sono anche presenti tannini e saponine. I vari componenti differiscono quantitativamente in base alle condizioni ambientali in cui la pianta si è sviluppata.

Proprietà: è un antispasmodica, anche se è bene non utilizzarla in alte dosi, analgesica, ottimo antisettico e battericida, sia per uso interno che topico. Ha effetti bechici e modificatori delle secrezioni bronchiali; è diuretico e sudorifero ed un buon tonico. Ha proprietà antireumatiche ed è utile contro le emicranie. Aumenta la secrezione gastrica ed è efficace come vermifugo. Ha inoltre proprietà ipotensive. Esternamente è cicatrizzante, rinfrescante e seboregolatrice. Utilizzata in prodotti da bagno balsamici e distensivi.

Indicazioni: fermentazioni intestinali, coliche, ansia, infezioni delle vie respiratorie, insonnia, dolori di varia natura. Per uso interno si usa contro irritabilità, facendone un infuso, efficace anche come diuretico. Per uso esterno si usa il decotto per praticare irrigazioni vaginali, l’essenza da applicare in gocce sulla nuca come prevenzione contro i pidocchi. L'alcolato di Lavanda si usa in frizioni contro i dolori nevralgici e reumatici e contro il prurito

Interazioni: incompatibilità con l'assunzione contemporanea di iodio ed sali di ferro.

Erbe sinergiche: Salvia, Borragine, Santoreggia, Valeriana, Menta, Eucalipto, Calendula, Rosmarino, Viola, Timo.

Preparazioni:

Contro l’otite: in caso di infiammazione all'orecchio medio, immergere un bastoncino di ovatta nell'olio di oliva e aggiungere cinque gocce dì olio essenziale di lavanda. Calma il dolore e disinfiamma.

Tonico antiacne: mescolare tre gocce di essenza di timo e tre di essenza di lavanda in 100 ml d'acqua calda. Tamponare la pelle con questo preparato anche più volte al giorno: il composto svolge un'azione battericida.

Avvertenze: dosi elevate può provocare irritabilità.

Curiosità: Il nome italiano deriva dal verbo latino “lavare”, perché il fiore veniva usato per profumare l’acqua destinata ai lavaggi. Nell'uso casalingo si mette a mazzetti o in sacchetti di stoffa all’interno degli armadi per profumare la biancheria, svolgendo anche funzione tarmicida. Nel XVII° secolo veniva usata, assieme al rosmarino, per curare le malattie nervose. “Sorella” della Lavanda officinale è la “Lavandula dentata”, detta anche Spigonardo, che pare sia il Nardo delle Sacre Scritture, quello che Maria di Magdala compresse sulle piaghe del Cristo crocifisso per lenirne il dolore. Hildegarda Von Bingen la consiglia come rimedio contro i pidocchi, Paracelso contro la peste: da questo uso terapeutico, nasce la preparazione del “Aceto dei Quattro Ladri”, (“vinaigre des quatre voleurs”), che i saccheggiatori si spalmavano addosso prima di iniziare le loro scorrerie nelle case dei morti appestati. E’ abbondantemente coltivata in Provenza, dove se ne possono ammirare diverse varietà che, oltre a profumare l’aria, donano una nota di colore al paesaggio. Nel mese di agosto si celebrano numerose feste della Lavanda, tra cui una delle più accattivanti è quella di Valreas. Il primo sabato e il primo lunedì d'agosto, al tramonto, immensi carri coperti di fiori sfilano lungo le strade della cittadina rallegrando il pubblico con profumi di Lavanda, distribuzione di bouquet e animazioni folkloristiche.

Quanto riportato, è tratto da materiale di libera consultazione sul Web. Il Laboratorio d’Erbe Sauro non è responsabile della diffusione di informazioni che si rivelassero non rispondenti a verità o dell’uso improprio dei prodotti menzionati. Pertanto, la letteratura di cui sopra è da intendersi come approfondimento culturale: non sostituisce la diagnosi del medico, che si consiglia di consultare sempre, prima dell'assunzione di qualunque rimedio, soprattutto in presenza di patologie o disturbi contro i quali si stiano assumendo altri farmaci.

Produttore:
Brisighello
Nessuna denominazione INCI per questo prodotto